top of page

Beethoven. Oltre

logo-LoB-lr-x-intestaz-sito.jpg

A casa del dio della musica

VIENNA, Casa di Mozart. 1787

PLAY ME

Nell'87, il mio tutore Neefe esortò i nobili di Bonn a

Mercato-di-Rialto_01.jpg
finanziarmi per farmi andare nella scintillante Vienna,
sede dell'impero asburgico, capitale mondiale della musica. Lui diceva che ero un genio, che sarei diventato un secondo Mozart. Così, un gruppo d'aristocratici investì il proprio denaro su di me. In quell'anno, mi misi alla prova e andai a Vienna,
Mercato di Rialto_03.png
bollo_palladio-01.png

il centro della cultura europea, ove le arti fiorivano e i nobili rovesciavano denaro e favori su artisti d'ogni genere.
Da anni sognavo di venire in quella città; volevo conoscere il dio in terra della musica: Wolfgang Amadeus Mozart. Usai le mie conoscenze per avere l'opportunità di suonare a casa sua. La mia magnifica esecuzione sbalordì il grande maestro.

Egli era incredulo. Uscì dalla stanza e andò in quella accanto, dove la moglie stava intrattenendo degli ospiti; le disse: <<Tieni d'occhio questo ragazzo. Un giorno darà al mondo qualcosa di cui parlare!>>. Ero davvero felice d'aver fatto colpo su Mozart e avrei voluto studiare con lui... Ma quello fu il nostro primo ed ultimo incontro.

Mercato-di-Rialto_02.jpg
Appena due settimane dopo il mio arrivo a Vienna, mia madre si ammalò di tubercolosi e io dovetti tornare di corsa a Bonn. Quella stessa estate, lei morì... Ero agitato da sentimenti contrastanti, nei confronti di quella donna che mi volle bene, ma che non era mai riuscita a difendermi da mio padre.
Mercato di Rialto_04.png
Venice-A-10x10-100-dpi.jpg
Venice-SQ-D-20x20-100.jpg
Venice-SQ-E-20x20-100.jpg

Torna a questo luogo

3

A casa del dio della musica

VIENNA, Casa di Mozart. 1787

Vai al prossimo luogo

4

Musica rivoluzionaria

BONN, Palazzo del Principe Elettore. 1788

sezione 2
sezione 3
bottom of page