top of page

Beethoven. Oltre

logo-LoB-lr-x-intestaz-sito.jpg

Un solo me

GRÄTZ, Distretto di Opava. 1801

PLAY ME

Personaggi ricchissimi, come il principe Lichnowsky,

Mercato-di-Rialto_01.jpg
volevano avermi come compositore, senza condizioni.
Da vero e proprio ribelle, feci subito capire loro che potevano finanziarmi, ma non comprarmi. Volevo essere indipendente da queste "famiglie" aristocratiche; ora andavo d'amore e d'accordo con loro e il mattino dopo andavo in escandescenza come una bestia. I miei sbalzi d'umore e
Mercato di Rialto_03.png
bollo_palladio-01.png

il mio caratteraccio divennero leggendari, tanto quanto la mia musica. Avevo una superbia smisurata, tant'è che mi credevo secondo soltanto a Dio. Ormai ero un creatore "romantico", un eroe che operava non per il committente, ma per la sua stessa Musa. Dopo l'ennesima lite col principe Lichnowsky, abbandonai infuriato la sua residenza di campagna a Grätz,

lasciandogli un messaggio che diceva: <<Ci sono molti principi, Lichnowsky; c'é un solo Beethoven!>>. La fama crescente mi procurò, per la prima volta, l'attenzione delle donne. M'innamorai profondamente d'una mia allieva: la contessa Julie Guicciardi. Per corteggiarla, composi la sublime Sonata al chiaro di luna, ma ella non aveva intenzione di sposare un

Mercato-di-Rialto_02.jpg
uomo privo di titoli nobiliari, così m'abbandonò. Nei pochi anni trascorsi a Vienna, divenni il pupillo degli aristocratici. Proprio in quel periodo, però, quando le cose andavano per il meglio, iniziai ad udire un ronzio nelle orecchie... Un rumore che divenne sempre più forte... Ben presto, il mio mondo musicale si sarebbe inabissato nel silenzio.
Mercato di Rialto_04.png
Venice-A-10x10-100-dpi.jpg
Venice-SQ-D-20x20-100.jpg
Venice-SQ-E-20x20-100.jpg

Torna a questo luogo

6

Un solo me

GRÄTZ, Distretto di Opava. 1801

Vai al prossimo luogo

7

Mondo silente

HEILIGENSTADT, Campagna circostante. 1802

sezione 2
sezione 3
bottom of page