top of page

Antonio Vivaldi. Che gioia creare!

logo-LoB-lr-x-intestaz-sito.jpg

Le note in viaggio

PIRNA, Cittadina tedesca. 1714

PLAY ME

Ebbero inizio i grandi viaggi. Raggiunsi città come Amsterdam,

Mercato-di-Rialto_01.jpg
Vienna e Praga per promuovere personalmente le mie opere.
Gentile compagna di viaggio fu, al tempo, Anna Giraud, un'artista molto graziosa, ma dal talento non eccezionale, alla quale affidavo, comunque, un ruolo da protagonista, nelle mie opere. Un'altra presenza femminile era la sorella di Anna, Paolina Giraud, che mi seguiva all'estero si occupava della
Mercato di Rialto_03.png
bollo_palladio-01.png

mia precaria salute. Negai sempre ogni coinvolgimento sentimentale, anche se capisco che sia difficile credere che per ben quattordici anni affrontai immacolato le tentazioni quotidiane e gli scandali in agguato senza goderne i frutti...Nella mia innovazione, diedi maggior enfasi ed evidenza alla struttura formale e ritmica del concerto, cosa che prima non

era mai avvenuta. Cercai ripetutamente contrasti armonici e inventai temi e melodie inconsuete per l'orecchio degli ascoltatori. Il mio talento consisteva proprio nell'evitare di comporre quella tediosa musica accademica, ma una nuova, chiara ed espressiva, tale da poter essere apprezzata dal grande pubblico e non solo da pochi eletti specialisti. Fui favorevolmente

Mercato-di-Rialto_02.jpg
oggetto dell'interesse della critica tedesca a me contemporanea. Tra i Tedeschi, ricordo, specialmente, gente come Hiller, Gerber e il flautista e compositore Quantz. Proprio quest'ultimo, avrebbe, poi, riferito d'aver ascoltato alcuni miei concerti, tra cui L'estro armonico, nella piccola cittadella tedesca di Pirna. Lui stesso li definì <<un nuovo genere di pezzi musicali dai magnifici ritornelli>>.
Mercato di Rialto_04.png
Venice-A-10x10-100-dpi.jpg
Venice-SQ-D-20x20-100.jpg
Venice-SQ-E-20x20-100.jpg

Torna a questo luogo

5

Le note in viaggio

PIRNA, Cittadina tedesca. 1714

Vai al prossimo luogo

6

Fiuto per gli affari

VENEZIA, Piazza San Marco. 1720

sezione 2
sezione 3
bottom of page